giovedì 23 marzo 2017

Nasa, prossimo annuncio.


(Fonte immagine:http://clipart-library.com)

6-3-2017

Un antica città dalle mura molto alte rosso scuro. Sono seduta sul tetto di un edificio con gambe a penzoloni guardando la strada sotto di me. Il cielo è grigio, piove.
Ci sono due persone sole che parlano vicine, nessun altro passante. Essendo così lontane decido di vedere e sentire meglio quindi semplicemente ingrandisco l'immagine.
Vedo quindi due uomini vestiti casual con ombrelli aperti che confabulano e si guardano intorno come se non volessero essere ne uditi ne visti Stanno parlando della NASA, presto farà un grosso annuncio.


Invertire le situazioni si può?

(Fonte immagine: http://www.benessereblog.it)

6-7-2014

Mi trovo in una grande struttura che assomiglia ad una palestra, c'è molta gente, sento il vociare di sottofondo. Non mi sento bene e il mio compagno chiama un dottore. Mi stendono su di una brandina e noto intorno a me che non sono la sola in quella situazione. Ora mi rendo conto che quella struttura sembra più un ricovero di fortuna simile a quelle post-catastrofi. Mi stendo, poco dopo arriva una squadra medica. Io e il mio compagno ci allarmiamo perchè abbiamo chiesto semplicemente un medico e il costo della squadra è troppo alto per noi, non possiamo permettercelo. Avvisiamo subito i paramedici ma ci rispondono che il mio valore è salito a 107.000 quindi sono obbligati ad uscire per la chiamata. Vedo il mio compagno prendere il cellulare e chiamare il suo capoufficio per spiegargli la situazione, sento della paura in lui. Nel frattempo mi sottopongono ad esami e prelievi. L'infermiera mi avvisa che ho la pressione alta e le rispondo che è il contrario (nella vita reale) a meno che improvvisamente non si siano invertite le cose. Incuriosita le chiedo se potesse essere davvero così e lei prima balbetta qualcosa poi fa scena muta. Nel frattempo un ragazzo si mette alla mia sinistra e comincia a farmi un lavaggio all'occhio sinistro con un anello che spruzza del liquido trasparente direttamente sulla pupilla. 

Rianimazione

(Fonte immagine: film Matrix)

10-7-2014

Ultima scena prima di svegliarmi:
mi sforzo di alzare la testa per osservare il mio corpo nudo disteso su di un piano. Non capisco cosa vedo nel mio corpo, sembrano delle protuberanze che iniziano in sequenza dal petto al basso ventre.
Sforzo la vista per osservarle meglio. Sono una specie di spinotti posizionati a coppie. Quando realizzo mi sveglio immediatamente.

Messaggi da Telos


9-8-2014

Leggendo i libri di Telos ho avuto degli incontri particolari.
La prima volta venne da me un lupo, la seconda M.J. Con lui ho festeggiato aprendo una bottiglia e facendo un brindisi ad un evento; la terza è più lunga:

Mi sveglio in una stanza che non riconosco. Sono stesa su di una branda e mi giro sul fianco sinistro. In piedi di fronte a me Gesù che sta lavorando a qualcosa posizionato sopra un grande tavolo. Dalla mia posizione mi sembra di vedere degli edifici, forse un plastico.
Lo vedo pensieroso. Osservo e dico "metro no?" (metropolitana) Lui sorpreso mi guarda e dice "si"! poi si ferma e si domanda "ma dove la metto?"...
Cambio scena: sono di fronte a lui, mi porge la mano per salutarmi, io ricambio e lo abbraccio. Gesù rimane un pò sorpreso ma accetta sorridendo. Qualcuno poi entra dalla porta chiamandoci "dobbiamo andare"...


Volo Terra-Luna


1-3-2017

Volo Terra-Luna esattamente 2 secondi! Non ho sentito nulla se non l'atterraggio sul suolo lunare. Sono dentro ad una sorta di navicella che presenta una parte centrale rotonda dove tutt'intorno sono posizionati dei sedili molto spartani. Io sono seduta i uno di questi, non ricordo bene se ci sono altri passeggeri. Di fronte a me il cilindro centrale presenta un piccolo foro rettangolare che contiene un dispositivo e come se sapessi già, prima della partenza lo prendo e lo passo su tutto il corpo, è una specie di scanner. In quel momento tra me e me trovo da ridire sulla scomodità di questo attrezzo dato che il posto a sedere è piccolo e la scomodità di passarselo manualmente su tutto il corpo è evidente!
L'interno della navicella è tutta sui toni di grigio chiaro mentre lo scanner è tutto nero tranne una parte luminosa bianca, probabilmente lo schermo con i dati raccolti.

martedì 14 marzo 2017

Selezioni per gruppi di studio tra alieni e umani.


(Fonte immagine:http://www.nicolas-ferrand.com/Star-Citizen)

31-12-2016

Mi trovo in un grande ufficio con un gruppo selezionato di persone della mia stessa età (circa), siamo seduti di fronte a delle scrivanie e dinnanzi un altro gruppo di persone quasi del tutto simili a noi e, ne sono certa, dopo un po’ che ci parlano mi sovviene che quella sia la seconda seduta (mi torna in mente nel sogno che c’è già stata una prima volta ma esclusivamente nel sogno, da sveglia non ho alcun ricordo).
In un secondo momento scopro che sono una razza aliena che sta facendo delle selezioni con dei programmi per noi umani. Dopo un po’ che parliamo ci accompagnano ad un piano sotterraneo dove noto degli scienziati (così li definisco nel sogno) e varie strutture che contengono creature strane e di vario genere, vedo anche piante, sembrano riproduzioni o colture. Una sorta di laboratorio. Mi avvicino a una teca dove all'interno vedo quello che sembra un umano ma con delle malformazioni ossee che assomigliano a delle pinne con una sorta di scheletro esterno che sembra si stia staccando. Quello che più mi incuriosisce, non è tanto il fatto che si stia staccando ma la reazione dei due scienziati alieni al mio interesse verso di esso, al fatto che lo  abbia notato e così si posizionano davanti alla teca come se volessero nascondermi quella creatura.
Il giro continua senza altri incontri. Torniamo di sopra e nella stanza ora vedo arrivare anche due miei amici con mia sorpresa e poco dopo, l’incontro si chiude.


(Fonte immagine:http://www.houzz.com)

Cambio scena: sono in una scuola enorme dall'architettura Gotica mista a quella medievale e rimodernata con grandi vetrate che dividono gli spazi senza intaccare la parte storica. Qui seguo dei corsi e ho un gruppo di amici con il quale mi trovo la mattina per fare colazione e raccontare della riunione che ho avuto la sera prima. Chiedo loro cosa ne pensano, ne discutiamo un po. Noto poi che tra le sedie in parte occupate ce n’è una con un tronco d’albero scuro e cavo, non ci faccio tanto caso fino a che il tronco muta in un umano che poi vengo a sapere essere uno degli alieni della sera prima. La scena continua con me che lo porto a visitare la scuola e parlandoci vengo a sapere che la loro razza soffre molto il freddo, che si ammala facilmente (probabilmente a causa delle basse temperature) e che è in visita. Arriviamo in una stanza in cui l’alieno deve compilare alcuni documenti, qui ci sono diversi computer probabilmente è una segreteria.  Lo lascio insieme alla segretaria. Poco dopo sento della confusione venire da quella direzione, ritorno e vedo la segretaria in crisi, i computer in disordine e domandando scopro che il visitatore ha manomesso un po’ tutto…in quel momento mi sono sentita un po’ imbarazzata ad averlo lasciato li senza la mia assistenza.