Amici alieni.



6-1-2016

 E' tutto sfocato e poco illuminato intorno, non capisco dove mi trovo.
Vedo dinnanzi a me una creatura che viene liberata. (non so ne da cosa, ne da chi)
E' fatta di tanti strati sottili, assomiglia ad una farfalla nella crisalide, ma invece di avere solo due ali lei ne ha tante formando così un grosso strato.
 Siamo una di fronte all' altra. Non ho paura anzi, mi affascina.

Cambio scena: una moderna città in un isola con un grande ponte di collegamento alla terraferma, circondata da centinaia di piccole astronavi bianche di forma ellissoidale e altre di forme più classiche. 
Con alcuni tecnici (Ingegneri?Dottori?) siamo nella terraferma e mentre osservo questa scena incredibile, i tecnici scrivono in una sorta di tavoletta grafica delle strane lettere comunicando con le creature aliene che, a quanto ho capito, già conoscono.
Quest'ultimi hanno portato in città una sorta di robot dalle sembianze di giovane donna umana, molto alta (10/12mt), che cambia abiti ogni volta che gli umani cercano di chiedere spiegazioni. 
L'ultimo cambio d'abiti è quello di una specie di dottoressa (in stile anime giapponesi) che infila un grosso ago nella pancia di un personaggio sempre dalle sembianze umane ma grassissimo e aspira ogni sorta di schifezza. Nel mentre, ci spiega che quello che sta estraendo non va bene e che è uno dei problemi che ci affliggono.

Commenti

Post più popolari