Eredità



19-4-2017


Mi recapitano un messaggio. Devo recarmi in una casa a ritirare una eredità. Io penso e ripenso ma non mi viene in mente nessuno che conosco che possa lasciarmi qualcosa. Cambio scena e mi trovo in una grande stanza, c’è luce molta diurna che filtra delle finestre, tutto con sfumature più gialle. Una donna mi spiega che il sig….. non ricordo….ha lasciato un oggetto nel testamento per me prima di andarsene mentre mi porge un quaderno ad anelli grandi dalla copertina scura. Quest'uomo lo conoscevo molto poco, sapevo chi fosse, abbiamo fatto sicuramente qualche chiacchierata ma nulla più che io ricordi. Lo apro e dentro ci sono delle copertine separatrici con dei fogli bianchi scritti. Le copertine sono a dir poco spettacolari. La prima è rosso fuoco, una cornice ai bordi intarsiati di pietre preziose posate in modo artistico per nulla pesante alla vista. Al centro il disegno di un ragno con il dorso formato da una grossa pietra brillante. L’impatto è sorprendente per me che non avevo mai visto una cosa simile. I colori soprattutto. Guardo la donna con aria ebete e lei capisce che non ho idea di cosa sia. Mi spiega che sono alcuni incantesimi facenti parte di una collezione più grande e che valgono molto e che non si capacita del  fatto che li abbia lasciati ad una sconosciuta. Ritorno a guardare le altre copertine, hanno diversi colori, una sicuramente blu ma tutte hanno questi disegni e decori preziosi. Le pagine bianche sono più piccole e sembra abbiano una tabella con nomi e altro che non ricordo. Bene, me ne vado e le porto con me ma la donna bionda non è molto d’accordo perché prima cerca di farmele vendere chiedendomi quanto voglio e poi, quando chiedo troppo, passa a metodi più prepotenti. In effetti quello che poi ricordo sono inseguimenti, fughe in città e forse c'è scappato anche il morto, di sicuro il ferito.

Commenti

Post più popolari